Compiti in gioco!

Pubblicato da lapedagogista il 2 lug, 2012 in Pensieri educativi | 6 commenti

Abbiamo parlato di come rendere la realtà attraente come un gioco e oggi vi presento un piccolo gioco che l’Ingegnere ed io abbiamo proposto al Sindacalista (anni 11) e alla BimbaCartoneAnimato (9 anni).
Le attività sono strutturate per fornire ai bambini stimoli che li “fanno sentire bene e soddisfatti” proprio come accade quando giocano.
I nostri bambini si sono divertiti moltissimo e hanno raggiunto tutti gli obiettivi che abbiamo loro proposto ;)


Obiettivi

  • Portare a termine i compiti assegnati, utilizzando il tempo in modo efficace
  • Sostenere la collaborazione tra fratelli
  • Stimolare l’espressione della creatività e la manualità
  • Promuovere l’autonomia nel riordinare
  • Sostenere la coscienza ecologiCa, attraverso la raccolta differenziata
  • Divertirsi!

Durata

4 ore (2 ore + 2 ore)

Metodo

Lavoro individuale e di coppia

Descrizione dell’attività

Questo gioco è adatto a bambini della scuola primaria. La proposta che trovate nel materiale in allegato è pensata per due fratelli, ma con un po’ di fantasia si può adattare ad un unico bambino. E’ un’attività facile da realizzare ed è divertente. Stimola la creatività e richiede collaborazione.

Il gioco è pensato su più livelli (due in questo caso) proprio come accade nella maggior parte dei videogiochi tanto diffusi tra bambini e ragazzi: le attività da svolgere sono descritte in due documenti che hanno la forma di mail o lettere inviate dai genitori ai bambini. Ogni lettera serve per introdurre il bambino al nuovo livello di gioco. Al Livello 2 si accede solo attraverso una chiave che il bambino ottiene dopo aver “sbloccato” il Livello 1.

Il gioco inizia la sera del giorno precedente a quello che avete stabilito come giorno adatto per svolgere le attività (es. il Venerdì sera): i bambini ricevono una mail (se dispongono di un loro account di posta) o una lettera. Creando un po’ di magia e suspance, si chiede ai bambini di leggere insieme la lettera e si propone loro il gioco.

Al termine della lettura si chiede ai bimbi se hanno capito tutto o hanno domande.

La mattina del giorno successivo ha inizio l’attività descritta nella lettera (Livello 1). I bambini fanno i compiti scolastici che gli sono stati assegnati: ad esempio i compiti delle vacanze. Il genitore può ricordare che non è una gara ed è necessario collaborare.

Al termine di questa prima fase, i genitori controllano se gli obiettivi sono stati raggiunti e assegnano i “punti esperienza” (rappresentati da ciliegie): ricordatevi che i giochi sono una cosa molto seria, per cui attribuite punteggi equi e giusti! Ma siate anche generosi ;-) .

Se i bambini hanno guadagnato un numero sufficiente di punti esperienza viene fornita la chiave per aprire la seconda lettera: i genitori devono aver predisposto preventivamente la lettera all’interno di un file criptato o di una scatola chiusa da un lucchetto (a combinazione o tradizionale). Per i dettagli cfr. la sezione “Preparazione”.

A questo punto i bambini leggono la seconda lettera. Dopo una pausa, nel pomeriggio, viene fornito loro il materiale necessario per svolgere le attività descritte nella seconda lettera (Livello 2). In questa seconda fase, potrebbe essere necessaria la supervisione discreta di un genitore: osservate da lontano e dimostratevi disponibili se vi chiedono aiuto. Comunicate che se hanno bisogno di voi, siete disponibili a fornire tutte le spiegazioni necessarie, ma aiutateli a fare da soli.

Al termine dell’attività, verificate il raggiungimento degli obiettivi e sommate i punti esperienza (ciliegie) ottenuti. Ricordate che, come accade nella maggior parte dei giochi di ruolo, il genitore assume la funzione di Game Master e deve quindi essere pronto a fornire chiarimenti, rispondere alle domande e soprattutto a gestire situazioni impreviste con una buona dose di flessibilità e creatività.

Inoltre assegnate loro i badge che sicuramente si saranno guadagnati ;-) .

Chiedete ai bambini come si sono sentiti, se il gioco è stato divertente, se sono soddisfatti. Valorizzate le positività e il percorso che hanno fatto, sottolineate le competenze che hanno messo in gioco (creatività, collaborazione, senso pratico, capacità di differenziare i rifiuti).
E infine ricordatevi di pubblicare le foto o mostrare gli origami realizzati a parenti e amici.
Lasciatevi stupire dai vostri bimbi e divertitevi con loro!

Materiale

  • Mail (oppure Lettera1): contiene la descrizione del gioco e del Livello 1
  • Lettera2: contiene la descrizione del Livello 2 .
  • Badge: ritagliate 2 badge per ogni tipo, da assegnare ai bambini alla fine del gioco.
  • Software 7zip o WinZip: per zippare la Lettera 2 utilizzando l’opzione di crittografia che rende la Lettera 2 leggibile solo con password. In alternativa una scatola dotata di lucchetto con chiave o a combinazione.
  • Materiale personale dei compiti di ogni bambino.
  • Per ogni bambino, numero 5 fogli colorati per origami o di fogli colorati quadrati di carta leggera (la carta da pacco va benissimo).
  • Un blocchetto di fogli piccoli quadrati per effettuare delle prove.
  • Un libro per imparare a realizzare gli origami o esempi di origami scaricati da Internet.
  • Macchina fotografica.
  • Account Facebook o blog di un genitore (opzionale).

Preparazione

Se decidete di adottare l’uso della mail e quindi di inviare la prima lettera all’account dei vostri figli (o al vostro, eccezionalmente disponibile per loro in questa occasione), dovete predisporre una mail come quella riportata nella sezione “Materiali”. Alla stessa mail dovete allegare la Lettera 2 criptata. La maniera più semplice per eseguire questa operazione è di zippare la Lettera 2 con 7Zip (gratuito) o WinZip (licenza shareware e quindi gratuito solo per il periodo di prova, dopodiché si deve acquistare) attivando la funzione di criptografia: quando vi viene richiesta la password inserite la password che avete scelto e che fornirete ai bambini al superamento del Livello 1. Vi raccomando di scegliere una password un po’ “cool” e che abbia una significato per i bambini, così che anche a distanza di qualche giorno si ricordino di questa esperienza: noi abbiamo scelto “win&win” per dire che alla fine del gioco non ci sono vincitori e vinti ma due vincitori.

Se invece decidete di seguire la via più tradizionale della lettera chiusa in una scatola con lucchetto, dovete semplicemente predisporre la Lettera 2 all’interno della scatola e fornire a tempo debito ai bambini la chiave o la combinazione.

Buon divertimento a tutta la famiglia!

 

Se il gioco vi piace o vi interessa e volete sperimentarlo, potete scaricare tranquillamente tutti i file allegati. Naturalmente sarò contenta se li condividerete sui Social Network che utilizzate abitualmente.
Se volete un aiuto per personalizzare il gioco o desiderate chiarimenti, scrivetemi!

 

E per finire, ecco gli origami realizzati dai nostri bambini!

Un orsetto con un cuore per la dolce BimbaCartoneAnimato

Una famiglia di pipistrelli (cinque ovviamente!) per il Sindacalista

 

Ed ecco i “nostri eroi” al termine del gioco, orgogliosi e divertiti, ci mostrano i badge conquistati ;)

 

6 Commenti

  1. voglio leggerlo, voglio leggerlo, voglio leggerlo. L’ho stampato, lo metto sul comodino :-*

    • E’ un po’ lungo ;) ma come tutti i giochi è più semplice da fare che da spiegare!

  2. MA che idea grandiosa! Ma quindi deve essere fatto solo una volta alla settimana o lo devi fare tutti i giorni… perche` se e` da fare tutti i giorni… mamma mia che lavoro! Pero` e` grandioso!

  3. Enrica, si fa una volta sola ;) poi presenterò altri giochi su altri temi.
    Per ogni obiettivo educativo si può inventare un gioco e una attività!
    Sono felice che ti sia piaciuto

  4. Approdo da fb gruppo schoolmommies mi sono fatta un giretto e mi piace qui.

Lascia un commento